Pantelleria: le 7 cose da vedere

Pantelleria è un’isola situata in mezzo al canale di Sicilia che, per la sua posizione, ha sempre avuto nella storia un ruolo importante come crocevia delle popolazioni. Oggi è spesso al centro della cronaca per i flussi migratori, e per la grande sensibilità della sua popolazione, ma è anche e soprattutto un posto incantevole che vale la pena di visitare. Per raggiungere Pantelleria ci si può affidare al traghetto da Trapani, oppure direttamente in aereo da Bergamo, Torino e Venezia con la compagnia low cost Volotea. Come sempre, prima di partire, consigliamo di informarsi sul rimborso ritardo aereo Volotea, nel malaugurato caso di un qualsiasi contrattempo da parte della compagnia, specie nei mesi estivi di maggior afflusso.

Cosa vedere a Pantelleria

La natura e la gastronomia sono i protagonisti indiscussi dell’isola. Vediamo le principali attrazioni di questo straordinario spot naturalistico, vero paradiso per gli amanti della natura ancora aspra e selvaggia.

Il Lago Specchio di Venere

lago specchio di venereSi tratta di un laghetto naturale di origine vulcanica, così chiamato perché la leggenda vuole che Venere ci si specchiasse dentro prima di incontrare Bacco. Famosi sono i suoi fanghi termali situati in vasche dove l’acqua sgorga a circa 50°.

Arco dell’Elefante

Questa roccia lavica si tuffa nel mare e ha la forma di una proboscide di elefante, creando un’arco sull’acqua. Uno dei simboli di Pantelleria, facilmente raggiungibile nella parte est dell’isola. Una foto ricordo è doverosa.

Sauna Naturale di Benikulà

Nell’omonima località è sita una grotta, formata da una faglia nella roccia, divisa in due vani. Uno esterno chiamato frigidarium, e uno interno alla grotta, dove da una spaccatura della roccia esce a intermittenza vapore a 38°, usato come sauna naturale.

Laghetto delle Ondine

A est dell’isola, in località Punta Spadillo, vi è il laghetto delle Ondine formato da una parete rocciosa al limite del mare, dove c’è un grande ricambio di acqua, frequentato in particolar modo nei giorni di maltempo, in quanto è possibile fare il bagno in tutta tranquillità nonostante il mare mosso.

Il Castello di Pantelleria

Bellissimo monumento medioevale costruito in pietra lavica, fino al 1975 è stato utilizzato come carcere, ma oggi ospita il museo dell’isola e accoglie numerosi eventi dell’estate.

Passito di Pantelleria

Il famoso vino da dessert dell’isola di Pantelleria, ricavato col metodo dell’essiccazione naturale dell’uva di Zibibbo, coltivata nel caratteristico terreno vulcanico. Ogni anno, a fine agosto, si tiene anche Passitaly, la rassegna ideata per promuovere il delizioso passito di Pantelleria tra i turisti e gli esperti del settore.Da vedere i meravigliosi vigneti.

Capperi di Pantelleria

Altro prodotto simbolo di Pantelleria sono i capperi, raccolti da maggio a settembre, con il loro gusto inconfondibile, proprio delle piante che crescono sul terreno vulcanico, crescono spontaneamente praticamente ovunque. Come si dice, provare per credere!

Lascia un commento